Il Resto del Carlino | Morandi, la Montagnola, i portici “Ecco la mia Bologna Experience”

Sta ottenendo grandi riscontri la mostra Bologna Experience allestita a Palazzo Belloni. Iniziamo da oggi a pubblicare una serie di testimonianze di grandi bolognesi che raccontano a Bologna Experience quale sia la loro esperienza con Bologna. Ricordi personali, aneddoti, emozioni, sensazioni: da Giuseppe Giacobazzi ad Andrea Mingardi, da Luca Carboni a Gianni Morandi, Bologna Experience racconta la città attraverso i suoi protagonisti. Iniziamo questo percorso insieme con Gianni Morandi, cantante simbolo di Bologna e della bolognesità, già direttore per un giorno della nostra testata. Non è l’unico tributo che Gianni Morandi ha dedicato a Bologna e alla mostra: nei bagni di Palazzo Belloni, infatti, si potrà ascoltare una versione registrata in esclusiva di ‘Piazza Grande’ dell’amico Lucio Dalla.

IO SONO nato a Monghidoro, sull’ Appennino Tosco-Emiliano, provincia di Bologna, sono quaranta chilometri da Bologna e sessanta da Firenze. La prima volta che ho visto Bologna, avevo dodici anni. Al paese avevano organizzato un pullman per venire a Bologna alla festa dell’Unità e ci dirigemmo verso il parco della Montagnola perché lì si faceva la festa dell’Unità. E forse è stato proprio lì, la prima volta che mi hanno buttato su un palco per cantare una canzone. Non ricordo neanche che cosa cantai, ricordo soltanto che c’era una grande confusione e quella fu la prima volta che io vidi Bologna. Poi, cominciai a cantare e mi sono trasferito a Roma.

CERTO, Roma è una città meravigliosa, bellissima, ma io, volevo tornare a Bologna. E dopo trent’anni, sono tornato a vivere a Bologna, una città che amo, una città che sento proprio come la mia città, dove mi sento a casa, dove sento che anche la gente è accogliente verso chi arriva da lontano.. ha voglia comunque di sorridere, anche di vivere la musica, di vivere, insomma, di vivere bene la vita. Bologna, ti voglio bene.